Ovaĵumo di barbabietola rossa e mollica

Ieri al mercato della Coldiretti ho ritrovato le barbabietole rosse.
Ma non quei brandelli plasticosi da film di Dario Argento già cotti e preaffettati in una busta di plastica che in genere si trovano al supermercato, ma delle barbabietole con tanto di foglie freschissime, una rarità per chi come me ama prepararle con cipolla, uovo, pan grattato.

Una premessa sul titolo: ovaĵumo (pronuncia: la ĵ è come la g toscana o la s di measure inglese o la j di jacques -> ovaĵùmo) viene dall’Esperanto e può essere traducibile in Italiano come piatto prodotto con l’uovo tipo frittata (ov- uovo, ov-aĵ- frittata, -umo cosa simile ad una frittata ma non identica). Infatti la preparazione prevede di pelare col coltello le barbietole, tagliarle in pezzi piccoli,  sminuzzare i gambi e le foglie e mezza cipolla rossa grande.

Per una persona e per un piatto abbondante, utilizza 2 piante, un uovo, e almeno 80g di mollica di pane (ma anche di più se preferisci) ;) Inoltre olio, pepe bianco e mezza cipolla rossa grande e sale.

In una padella per la quale disponi del relativo coperchio prepara un soffrittino di cipolla, gambi e foglie per 2-3 minuti. Aggiungi dell’acqua e i pezzi di barbabietole, un pizzico di sale e pepe bianco appena macinato, copri e lascia stufare.

Dopo 7-8 minuti aggiungi il pan grattato, mischialo con il preparato e fai cuocere a fiamma bassa per 3 minuti sempre con il coperchio.

Intanto sbatti un uovo con una forchetta come se preparassi una frittata. Schiaccia con la forchetta il contenuto della padella in modo da preparare una superficie uniforme, assicurandoti che ci sia ancora dell’acqua. Versa l’uovo sbattuto uniformemente e ricopri. Dopo 4 minuti togli il coperchio e fai asciugare l’acqua; passati 3-4 minuti gira l’ovaĵo sottosopra. Si formerà così una base croccante d’uovo tipo omelette su cui si è agganciato il composto di cipolla e barbabietole.

Il gusto e l’aspetto solo particolari:

  • il risultato è un piatto coloratissimo con il rosso della barbabietola, il viola della cipolla, il verde scuro delle foglie, il giallo arancio del tuorlo e il bianco dell’albume e pane;
  • estremamente profumato con il succulento profumo del pane e uovo e il dolce aroma della barbabietole;
  • la consistenza è morbida e soffice nella parte verde e viola, croccante e spugnosa nella parte dell’uovo;
  • e il gusto è dolcissimo… magari può essere un modo per far mangiare ai bambini uova e barbabetole :)

Provatelo e fatemi sapere!

Leave a Reply